Pavimento pelvico e perineo: ma cosa sono?

Ormai sono un po’di anni che si sente parlare di perineo: le ostetriche lo tirano spesso in ballo nei corsi pre-parto, su internet troviamo milioni di pagine in cui vengono descritte le sue funzioni; magari abbiamo sentito che esiste una ginnastica per i muscoli del pavimento pelvico, ma sappiamo davvero di cosa si tratta? Sappiamo dove è il nostro pavimento pelvico? Lo abbiamo mai sentito muoversi o compiere una contrazione?

Per prima cosa diciamo che “perineo”e “pavimento pelvico” non sono proprio la stessa cosa ma, lavorando spesso insieme, non è raro sentire usare i due termini come fossero sinonimi. Non sarà corretto al 100%, quindi, ma per semplificare in questo articolo non mi soffermerò molto sulle loro differenze ma parlerò di “unità pelvi-perineale”: pensiamoli come due componenti di un’unità, una più superficiale (il perineo) e una più profonda, forte e “allenabile” (pavimento pelvico).

Ma dove si trovano? Il perineo chiude in basso il nostro bacino osseo; per farla semplice potremmo dire che è quella parte che appoggiamo al sellino della bicicletta.E’ formata prevalentemente da cute (la parte che vediamo), sottocute e strati muscolari; più internamente vi è il pavimento pelvico: componente muscolare.

Cosa fa la nostra unità pelvi-perineale? immaginiamo una bella e grande amaca tirata dentro al nostro bacino da davanti andando indietro; su questa amaca riposano in fila la vescica, l’utero e l’intestino che vengono sostenuti dall’amaca stessa, ovvero dal pavimento pelvico, durante tutte le attività che facciamo: quando andiamo a far spesa e solleviamo borse pesanti, mentre stiamo un fila alla posta, quando leggiamo un libro in poltrona o andiamo a fare una corsetta. Ma il lavoro del pavimento pelvico non è cosi facile perché vescica, utero e intestino, come sappiamo, comunicano con l’esterno rispettivamente grazie a uretra, vagina e intestino retto e per permettere questo il pavimento pelvico presenta delle aperture; diciamo che la nostra amaca è bella, grande, resistente ma ahimè bucata! E i pesi che deve sostenere sono proprio li su quei buchi! Quindi per tenere tutto a posto la nostra amaca dovrà essere bella tirata (ma non rigida) e forte soprattutto quando facciamo attività intense.

L’unità pelvi-perineale ha quindi una funzione di sostegno degli organi ma è anche molto importante quando andiamo a urinare o defecare. I fasci muscolari sono tutto attorno a intestino retto e uretra ovvero le vie di comunicazione con l’esterno di intestino e vescica. Dimentichiamoci un attimo dell’amaca e immaginiamo, ora, un tubo di gomma (uretra e intestino retto) attraverso cui passa dell’acqua; attorno al tubo vi è un anello che si stringe e si allarga (pavimento pelvico): se vogliamo far fuoriuscire l’acqua avremo bisogno che l’anello si allarghi permettendo il passaggio dell’acqua altrimenti il tubo resterà chiuso: allo stesso modo quando vogliamo urinare o defecare è fondamentale che la muscolatura pelvica si rilassi per permettere il passaggio di urina o delle feci. Viceversa se vogliamo che il tubo non perda acqua perché non possiamo bagnare li dove ci troviamo avremo bisogno di stringere l’anello per spostarci in un punto adatto su cui far cadere l’acqua del tubo, se l’anello non chiude bene o non riesce a stare chiuso per tutto il tragitto perderemo acqua in giro: così è anche per i muscoli pelvici: la loro contrazione ci permette di mantenere la continenza.

Altro ruolo fondamentale dell’unità pelvi-perineale si ha durante gravidanza e parto: nelle 40 settimane circa in cui il bambino si trova nella pancia il pavimento deve sostenere l’utero gravido con tutto il suo peso (!!!) mentre durante il parto indirizza la testa del bambino dandogli indicazione sulla posizione più adatta per attraversare il canale da parto, pavimento pelvico e perineo dovranno anche essere belli elastici per permettere il passaggio del bimbo senza subire danni.

I muscoli pelvi-perineali, poi, contribuiscono assieme ai gruppi muscolari del tronco a dare maggiore stabilità al nostro corpo migliorando, così, equilibrio e armonia durante i movimenti.

Non da ultimo entrano in gioco anche durante i rapporti sessuali, se i muscoli sono tonici ed elastici, infatti, entrambi i partner di averanno rapporti più soddisfacenti; tuttavia, anche in questo caso, il giusto sta nel mezzo, perché se il perineo è troppo rigido e chiuso il rapporto potrebbe risultare doloroso.

Se ci pensiamo bene non è una parte del nostro corpo molto grande e nemmeno molto conosciuta ma avete visto quante funzioni ha? Quanti compiti svolge quotidianamente? La salute del perineo è fondamentale soprattutto per noi donne anche se purtroppo ce ne curiamo poco. Eppure qualcosa per mantenerlo sano e forte possiamo farla: prossimamente un articolo per capire come.

Dubbi? Non esitare a contattarmi!!!!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *